Rovine

Eccomi a casa. Quattro domiciliari di fila, l’ultima una donna terminale di 73 anni. Ho detto alla famiglia che sta morendo. Torno a casa e trovo le rovine di quella che doveva essere una giornata tiepida. Un pezzo di torta rimasta in frigo, il grigiore che si attenua. L’amaro ricordo di quella che è stata l’epifania di chi sono. Voglio annichilirmi sotto le coperte e smettere di pensare. Spero che non mi chiami più nessuno. Buon compleanno a me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *